Francesco Lattanzio | 11 dicembre 2017
COMPANY

Apple punta a Shazam. Secondo TechCrunch c’è un accordo da 400 milioni per l’acquisizione

Shazam ha una relazione di lunga data con Apple. Già nel 2008, la app era presente nell’App Store,  permetteva agli utenti di comprare le canzoni “riconosciute” direttamente su iTunes ed è stata integrata in Siri. Quella che una volta era solo una app di riconoscimento musicale, però, si è evoluta col tempo, e ora offre l’identificazione e la condivisione di audio, di show televisivi e di contenuti in realtà aumentata.

L’interesse di Apple è stato rinvigorito, tanto che secondo TechCrunch a Shazam è pervenuta un’offerta da 400 milioni di dollari dalla Mela. Una proposta che è stata accettata – la conferma è attesa per domani – , nonostante sia sostanzialmente più bassa della valutazione superiore a 1 miliardo di dollari annunciata dalla stessa Shazam dopo l’ultimo round di finanziamenti nel 2015.

Ma Shazam attualmente permette agli utenti di ascoltare la musica e accedere ai contenuti “riconosciuti” attraverso Spotify, Youtube e Deezer, e questo nuovo accordo potrebbere far traballare gli accordi con queste società. Apple acquisirebbe una serie di feature capaci di proporre experienze video interrattive legate alla musica e all’advertising, che porterebbero l’azienda a fare diversi passi avanti sia in ambito pubblicitario sia in ambito di offerta musicale. Mercato, quest’ultimo, dove occupa una posizione di rilievo con Apple Music, ma acquisirà presto un nuovo concorrente: Google.

Nessuna risposta a "Apple punta a Shazam. Secondo TechCrunch c’è un accordo da 400 milioni per l’acquisizione"