Anna Maria Ciardullo | 26 gennaio 2018
CREATIVITÀ

Burger King invita a riflettere sulla net neutrality nella campagna firmata David Miami

Chi l’ha detto che la politica non possa dare spunti validi per operazioni di marketing? Burger King ha colto la palla al balzo quando la Federal Communications Commission (FCC) negli Stati Uniti, ha presentato un piano volto a smantellare completamente le regole dell’era Obama create per garantire la cosiddetta “net neutrality”, il principio per cui tutti i contenuti su Internet devono essere trattati ugualmente dagli Internet Service Provider (ISP) che non possono favorire certi contenuti su altri rendendo, per esempio, più veloce il download da un sito di notizie o di video rispetto a quelli di altre organizzazioni. La catena di fast food, dimostrando che le regole dell’open internet possono essere un efficace esercizio di branding, ha lanciato un’improbabile campagna video che dà proprio, metaforicamente parlando, l’idea dell’effetto che l’abolizione della net neutrality avrebbe sul world wide web. David Miami, è l’agenzia che sta dietro a tante campagne intelligenti di Burger King, compresa questa, che rimanda anche a change.org e al suo progetto “savethenet”.

 

Whopper Neutrality

Nel video “Whopper Neutrality” si vede uno store dell’azienda che inganna alcuni dei suoi clienti facendogli credere di dover pagare prezzi molto più elevati per ottenere una consegna più veloce della propria ordinazione. La metafora è facile da immaginare: mostra come sarebbe il web se avesse corsie veloci e corsie lente, dove gli operatori possono dare la priorità ad alcuni contenuti rispetto ad altri, così come loro danno la precedenza ai clienti che pagano di più rispetto agli altri. Un cliente, alla fine del video, commenta: “non pensavo che ordinare un Whopper mi avrebbe davvero aperto gli occhi sulla neutralità della rete”.

 

Una battaglia di marketing

La net neutrality può sembrare una battaglia d’importanza relativa per un gigante del fast-food. Perché, allora, ha prodotto l’annuncio? Lo spiega Fernando Machado, responsabile marketing globale: “crediamo che internet debba essere come i ristoranti Burger King, un luogo che non si basa sulle priorità e dà il benvenuto a tutti. Per questo, abbiamo creato questo esperimento, per richiamare l’attenzione sui potenziali effetti dell’abolizione della neutralità della rete”. Inoltre, l’operazione ha attirato milioni di commenti degli americani e apparentemente toccato un nervo scoperto che, come esercizio di marketing per il brand, è risultato, decisamente, funzionale.

Nessuna risposta a "Burger King invita a riflettere sulla net neutrality nella campagna firmata David Miami"