Francesco Lattanzio | 15 maggio 2017
SCENARI

Gli eSports raccoglieranno dalla pubblicità 1 miliardo di dollari entro il 2021

I videogiochi online non sono certo una novità. Da decenni milioni di giocatori si danno appuntamento su piattaforme virtuali formando veri e propri team che competono tra di loro in campionati e tornei. È da poco però che questa categoria, a metà tra sport ed entertainment, è diventata una vera e propria industry. Gli eSports hanno una capacità attrattiva polidirezionale, che si rivolge da una parte ai giocatori e dall’altra agli spettatori. L’ascesa delle visualizzazioni dei video di gameplay su Youtube è un indicatore importante in questo senso, e in alcune parti del mondo i tornei sono eventi che si svolgono in veri e propri stadi.

Il comitato olimpico sta già vagliando l’ipotesi che questi eSports possano essere introdotti nel ventaglio di sport utili a guadagnare medaglie nei Giochi Olimpici. Nonostante la giovinezza del mercato, dunque sono molto rilevanti le audience che attrae ed è molto interessante il ritmo con cui queste si espandono.

Interessante specialmente per advertiser e broadcaster. Il report The Future of TV di IHS Markit ha portato alla luce il fatto che la trasmissione dei match, solitamente prerogativa del web, è un obiettivo di broadcaster tradizionali. Sono in corso, infatti, trattative per i diritti degli eventi più grossi. L’anno scorso, il 57% della fruizione dei video legati agli eSports è avvenuta in Cina, dimostrando l’insaziabile fame del Paese per i contenuti provenienti di questo settore. La media nazionale nel 2016 è stata di 11,1 miliardi di stream, seguita dagli Stati Uniti con 2,7 miliardi. Una tendenza confermata dai dati di crescita del tempo totale di fruizione, che è cresciuto anno su anno del 19%, fino a raggiungere 6 miliardi di ore. Si stima che entro il 2021 gli investimenti pubblicitari raggiungeranno il miliardo di dollari.

Ted Hall, research director di IHS Markit, ha dichiarato che “la rapida crescita delle audience degli eSports ha attratto alcune tra le più grandi aziende nei settori media e tecnologia, tra cui Amazon e MTG. Questi ultimi ne hanno acquisito i key asset. Alcune di queste acquisizioni hanno dato inizio a uno spostamento delle dinamiche di business all’interno della industry, con player come Tencent che stanno già provando a prendere il controllo di asset all’interno della value chain ed editori che si stanno inserendo nelle operazioni legate ai tornei. Gli investimenti negli eSports porteranno vantaggi economici ai grandi nomi che supporteranno il segmento non appena il genere si espanderà ulteriormente all’interno e al di fuori del target demografico, grazie all’esposizione sempre maggiore sulla linear tv. Utile a coinvolgere nuovi fan, casuali e non”.

Nessuna risposta a "Gli eSports raccoglieranno dalla pubblicità 1 miliardo di dollari entro il 2021"