ott 5 results

Un chiarimento definitivo sul significato della parola OTT

Nella sesta puntata della rubrica di Riccardo Guggiola si cerca di far luce su una definizione troppo vaga, che può riferirsi a Facebook, ma anche alla TV. Nell’industry tecnologica, OTT è l’acronimo di Over-The-Top, ma questa parola è utilizzata in contesti differenti con significati completamente diversi.

Il patto di accondiscendenza tra i grandi marketer e il duopolio di Google e Facebook

I più grossi ad spender sono contrari al dominio delle due OOT solo in teoria. In pratica le due piattaforme rappresentano una reach massiccia e una salvaguardia contro la frode pubblicitaria e la misurazione incoerente in ambienti al di fuori dei walled garden. Questo potrebbe non essere lo scenario dei sogni ma i marketer più pragmatici stanno scendendo a patti con esso

Lettera aperta tech company contro OTT. UE risponde: “libera concorrenza entro un anno”

Spotify, Deezer e altre nove aziende europee hanno richiesto un intervento dell’Unione Europea contro il dominio di Apple e Google che, sulle proprie piattaforme, favorirebbero in maniera sleale i propri prodotti a scapito dei concorrenti. L’UE promette nuove norme ad hoc

Tv tradizionale e OTT: secondo SpotX non competeranno sul piano dell’advertising

Il CRO Sean Buckley traccia una distinzione tra le due modalità di fruizione pubblicitaria: i player attivi sul digitale possono ridurre i frame pubblicitari mantenendo le stesse entrate, e quelli televisivi manterranno un flusso robusto di investimenti. La differenza sta nella user experience

USA: via libera all’uso dei consumer data per le telco. Che impatto avrà sul digital marketing?

Donald Trump, ha firmato la legge, discussa nelle ultime settimane, che elimina le garanzie sulla privacy online introdotte da Obama, aprendo la strada ai carrier statunitensi sull’uso dei dati sensibili degli utenti